Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

MISURE ADOTTATE IN ITALIA

 

MISURE ADOTTATE IN ITALIA

In data 1 luglio è stata adottata un’ordinanza del Ministro della salute, che resterà in vigore fino al 14 luglio (quando scadranno le misure di contenimento della pandemia attualmente in vigore). Tale scadenza è stata successivamente prorogata fino al 31 luglio.
Tra le principali novità, si segnalano:
• la possibilità di intraprendere i viaggi per studio da e per qualsiasi destinazione;
• la possibilità d’ingresso in Italia, a prescindere dalla motivazione, di cittadini e residenti UE e loro stretti familiari conviventi (coniuge, partner, figli fino a 21 anni, genitori conviventi, altri familiari dipendenti per ragioni di disabilità);
• la possibilità d’ingresso, a prescindere dalla motivazione, dei residenti nei seguenti 14 Paesi extra UE e Schengen: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay.
Chi entra da Paesi diversi da UE, Schengen, UK e micro-stati europei continua ad essere sottoposto all’obbligo di quarantena (salvo casi di esclusione previsti da altre norme in vigore).
Dal 15 giugno è in vigore il DPCM 11 giugno 2020, che inaugura la Fase 3 della lotta al COVID-19. Il DPCM non contiene novità sostanziali sugli spostamenti da e per l’estero, la cui disciplina rimane immutata fino al 30 giugno. Tra i pochi aggiornamenti introdotti, l’estensione da 72 (prorogabili per particolari motivi) a 120 ore della durata delle brevi visite in Italia e delle brevi missioni all’estero senza obbligo di quarantena. È possibile fare riferimento al sito del Ministero per le FAQ sul rientro in Italia dall’estero.
DPCM 17 maggio 2020 (vedere in particolare artt. 4, 5 e 6) - DL 16 maggio 2020, n.33
Dal 3 giugno 2020, non sono soggetti ad alcuna limitazione gli spostamenti da e per i seguenti Stati: Stati UE, Stati Schengen, Regno Unito, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino, Stato della Città del Vaticano. Per chi entra in Italia da Stati diversi da quelli menzionati resta l’obbligo di autocertificazione e quarantena.

Per maggiori informazioni:

FAQ MAECI Cittadini italiani in rientro dall'estero e stranieri in Italia

FAQ Governo "Fase 2"

FAQ English

 

Proroga validità di documenti di riconoscimento

Si informa che l’articolo 104 del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 (Decreto Cura Italia) proroga la validità di passaporti, carte di identità elettroniche (ai soli fini di identificazione personale e non quale documento di viaggio per varcare le frontiere) e patenti di guida, al 31 agosto 2020. Con riguardo alle patenti di guida, in forza al Regolamento (UE) 2020/698 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 maggio 2020 la validità è stata ulteriormente prorogata per un periodo di sette mesi dalla data di scadenza. Si prega di prendere nota della Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Si riporta di seguito una traduzione in ungherese di quanto sopra, da poter mostrare all’occorrenza ad Autorità ungheresi che questionassero sulla validità dei documenti sopra menzionati.
A 2020.03.17-én kelt 18. sz. Olasz Miniszterelnöki Rendelet 104. § alapján, az olasz útlevelek, elektronikus személyi igazolványok és vezetői engedélyek érvényességét 2020. augusztus 31-ig meghosszabbítják. Az Európai Parlament és a Tanács (EU) 2020/698 rendelete alapján továbbá a vezetői engedélyek érvényességét a lejáratot követő hét hónap időtartamig meghosszabbítják. Az így meghosszabbított érvényességű útleveleket és személyi igazolványokat kizárólag a személyi azonosság igazolására és nem a határok átlépésére lehet csak felhasználni.


505